SIV-2022-A6-STAMPA-OK-Pagina-Illustrazione.png
SIV-2022-A6-STAMPA-OK-Pagina-Descrittiva.png
INTERSTELLAR. Le Voyager oltre i confini del nostro tempo.png

INTERSTELLAR. 

Le Voyager oltre i confini del nostro tempo

L’esplorazione spaziale non rappresenta solamente la necessità umana di oltrepassare i propri limiti. È anche, o forse soprattutto, il desiderio dell’uomo di sopravvivere al proprio tempo.

 

Questo meraviglioso e disperato sentimento umano è incarnato in due piccoli oggetti a cui abbiamo dato il nome di “Voyager”. Entrambe le sonde ora sono nello spazio interstellare dopo aver abbandonato l'eliosfera, a oltre 18 miliardi di km da noi, una distanza che la luce impiega circa 20 ore a percorrere. Dopo oltre 40 anni, dopo averci regalato immagini indimenticabili come le prime immagini assolute di pianeti come Urano e Nettuno, o la celebre "Pale Blue Dot", le Voyager ancora funzionano. Pochi dati, un segnale debole, ma sono ancora in grado di comunicare con noi. Le missioni Voyager portano con loro anche due dischi d’oro, con incise alcune informazioni sulla specie umana: il DNA, la posizione del nostro pianeta, saluti e messaggi di pace in svariate lingue, musica. Se qualcuno, un giorno, decifrerà questi contenuti scoprirà di un lontano pianeta unito nel segno della pace, della scienza e dell’amore reciproco. Molto probabilmente le Voyager viaggeranno solitarie nell’immensità del cosmo per milioni, forse miliardi di anni. Sopravviveranno all’uomo e alla fine del nostro pianeta.

 

Percorreremo, insieme, uno dei viaggi più straordinari che gli uomini abbiano mai intrapreso, un segno della loro infinita speranza e determinazione e del loro disperato bisogno di sopravvivere al loro tempo in un universo vasto e fantastico.

 
INTERSTELLAR. Le Voyager oltre i confini del nostro tempo.png

Cos'è "Chi ha paura del buio?"

“Chi ha paura del buio?” è un progetto di comunicazione della scienza nato su Facebook nel 2012, per promuovere il primo libro italiano dedicato all’attività del nostro Sole e alle tempeste solari, scritto dal Dott. Massimiliano Bellisario.

La pagina si è subito trasformata in un portale di divulgazione scientifica, nel quale vengono pubblicati aggiornamenti costanti sull’attività solare (prima pagina in Italia), notizie di astronomia e astronautica e approfondimenti di varia natura, spaziando dalla climatologia ai terremoti, dal vulcanismo alle estinzioni di massa, dagli impatti meteoritici alle esplosioni di supernove. Il “buio”, inteso nel libro come mancanza di elettricità in seguito alla tempesta solare, è ora una metafora che indica l’ignoranza, da disperdere con una buona divulgazione.

Dal 1° Dicembre 2013 la pagina si è arricchita di due nuovi collaboratori: il Dott. Lorenzo Colombo, laureato in Astrofisica presso l’Università di Torino, e il Dott. Matteo Miluzio, dottore in Astronomia presso l’Università di Padova. Tutto questo per cercare di offrirvi il miglior servizio di informazione possibile. Nel giugno del 2018 al team della pagina si è unito il Dott. Filippo Bonaventura, laureato in Astrofisica e Cosmologia presso l’Università di Trieste. Sia Filippo che Lorenzo hanno anche conseguito il Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” della SISSA.

Nel dicembre del 2018 sono comparsi nella loro prima trasmissione televisiva, omonima della pagina. Nel maggio del 2020 hanno pubblicato il loro primo libro, “Se tutte le stelle venissero giù“, e nel giugno del 2021 il loro secondo libro, “L’universo su misura“.

 
INTERSTELLAR. Le Voyager oltre i confini del nostro tempo.png

INTERSTELLAR. 

Le Voyager oltre i confini del nostro tempo

L’esplorazione spaziale non rappresenta solamente la necessità umana di oltrepassare i propri limiti. È anche, o forse soprattutto, il desiderio dell’uomo di sopravvivere al proprio tempo.

 

Questo meraviglioso e disperato sentimento umano è incarnato in due piccoli oggetti a cui abbiamo dato il nome di “Voyager”. Entrambe le sonde ora sono nello spazio interstellare dopo aver abbandonato l'eliosfera, a oltre 18 miliardi di km da noi, una distanza che la luce impiega circa 20 ore a percorrere. Dopo oltre 40 anni, dopo averci regalato immagini indimenticabili come le prime immagini assolute di pianeti come Urano e Nettuno, o la celebre "Pale Blue Dot", le Voyager ancora funzionano. Pochi dati, un segnale debole, ma sono ancora in grado di comunicare con noi. Le missioni Voyager portano con loro anche due dischi d’oro, con incise alcune informazioni sulla specie umana: il DNA, la posizione del nostro pianeta, saluti e messaggi di pace in svariate lingue, musica. Se qualcuno, un giorno, decifrerà questi contenuti scoprirà di un lontano pianeta unito nel segno della pace, della scienza e dell’amore reciproco. Molto probabilmente le Voyager viaggeranno solitarie nell’immensità del cosmo per milioni, forse miliardi di anni. Sopravviveranno all’uomo e alla fine del nostro pianeta.

 

Percorreremo, insieme, uno dei viaggi più straordinari che gli uomini abbiano mai intrapreso, un segno della loro infinita speranza e determinazione e del loro disperato bisogno di sopravvivere al loro tempo in un universo vasto e fantastico.

INTERSTELLAR. Le Voyager oltre i confini del nostro tempo.png

INTERSTELLAR. 

Le Voyager oltre i confini del nostro tempo

L’esplorazione spaziale non rappresenta solamente la necessità umana di oltrepassare i propri limiti. È anche, o forse soprattutto, il desiderio dell’uomo di sopravvivere al proprio tempo.

 

Questo meraviglioso e disperato sentimento umano è incarnato in due piccoli oggetti a cui abbiamo dato il nome di “Voyager”. Entrambe le sonde ora sono nello spazio interstellare dopo aver abbandonato l'eliosfera, a oltre 18 miliardi di km da noi, una distanza che la luce impiega circa 20 ore a percorrere. Dopo oltre 40 anni, dopo averci regalato immagini indimenticabili come le prime immagini assolute di pianeti come Urano e Nettuno, o la celebre "Pale Blue Dot", le Voyager ancora funzionano. Pochi dati, un segnale debole, ma sono ancora in grado di comunicare con noi. Le missioni Voyager portano con loro anche due dischi d’oro, con incise alcune informazioni sulla specie umana: il DNA, la posizione del nostro pianeta, saluti e messaggi di pace in svariate lingue, musica. Se qualcuno, un giorno, decifrerà questi contenuti scoprirà di un lontano pianeta unito nel segno della pace, della scienza e dell’amore reciproco. Molto probabilmente le Voyager viaggeranno solitarie nell’immensità del cosmo per milioni, forse miliardi di anni. Sopravviveranno all’uomo e alla fine del nostro pianeta.

 

Percorreremo, insieme, uno dei viaggi più straordinari che gli uomini abbiano mai intrapreso, un segno della loro infinita speranza e determinazione e del loro disperato bisogno di sopravvivere al loro tempo in un universo vasto e fantastico.